ECONOMIA VERONESE | martedì 16 ottobre 2018 10:38

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | venerdì 25 maggio 2018, 12:45

La storia dell’emigrazione veneta nelle scuole del Veneto. Milioni di veneti hanno lasciato la loro terra, da fine Milleottocento.

Un bella notizia da Venezia. I giovani verranno a conoscere una storia difficile e d’alto sacrificio, forzatamente creata da veneti, che, per trovare lavoro e pane, si sono trasferiti, soprattutto, negli Stati Uniti d’America. Una storia che è bene si conosca, prima di pensare, forse, che il Veneto sia sempre stato quale è oggi, con uno sviluppo economico e benessere sociale, senza uguali: due elementi, questi, che si sono radicati, poco a poco, dopo la pesante emigrazione, che, talvolta, lasciava interi paesi senza popolazione.

Fonte immagine "culturaitalia"

Fonte immagine "culturaitalia"

L’evoluzione dei tempi e la coscienza dei propri ingegno, capacità e laboriosità, due elementi che sono stati e vanno coltivati, hanno posto fine all’emigrazione, dando origine ad una Regione, quella di oggi, dalla potenza economica, pari o superiore a quella dell’amica Baviera o dei Paesi Bassi. Ben presto, dunque, si studierà il fenomeno emigrazione nelle scuole venete, onde i giovani si possano rendere conto di quali erano le tristi condizioni d’un tempo e come da esse, il popolo veneto, sia stato capace, con tenace impegno, togliersi e, quindi, elevarsi, facendosi ammirare anche dall’estero. In merito, pubblichiamo l’interessante comunicato originale di Regione Veneto, del 22 maggio 2018, sulla nuova, importante iniziativa didattica.

In tutte le scuole di ogni ordine e grado del Veneto, si studierà la storia dell’emigrazione veneta. Lo prevede il protocollo d’intesa, tra Regione Veneto, Ufficio scolastico regionale e le sette associazioni venete, per l’emigrazione: a partire dal prossimo anno scolastico ad insegnanti e studenti saranno proposti interventi di approfondimento, incontri con i testimoni e lezioni di storia, per comprendere il fenomeno migratorio che ha interessato il Veneto, a partire dagli ultimi tre decenni dell’Ottocento, fino al secondo Dopoguerra. Le associazioni dei veneti nel mondo (Associazione Veneti nel mondo, Unione dei Triveneti nel mondo, associazione degli emigrati ed ex emigrati in Australia e Americhe, Bellunesi nel mondo, Trevisani nel mondo, Veronesi nel mondo e Vicentini nel mondo) metteranno a disposizione relatori, esperti e materiali, per realizzare corsi per insegnanti e moduli di approfondimento per gli studenti, dalle primarie, alle secondarie superiori. “E’ giusto che i giovani conoscano l’entità, le cause e ciò, che hanno prodotto il fenomeno migratorio in Veneto tra Otto e Novecento – dichiara l’assessore regionale all’istruzione – nonché, come i diversi paesi hanno affrontato il tema delle migrazioni. E’ una pagina di storia, spesso. ignorata, che, invece, ha generato grandi cambiamenti sociali, culturali e anche politici, nelle nostre terre e nei paesi di destinazione degli emigranti veneti”. “C’è un altro Veneto al di là del mare, tra Americhe e Australia – ricorda l’assessore regionale al sociale e ai flussi migratori. Si calcola, infatti, che gli emigranti veneti e i loro discendenti siano almeno 5 milioni, tanti quanti i residenti nella nostra regione. E molti di loro hanno conservato lingua, cultura, tradizioni e un forte legame con la terra d’origine. Promuovere la conoscenza e lo studio del fenomeno migratorio e delle sue ricadute è un atto di omaggio al coraggio e all’intraprendenza di chi è partito e un modo per tenere vivi i legami, con chi si sente ancora veneto, anche se, ormai, ha messo radici in altri paesi e altre culture”. Storia lunga e di sacrificio, che, appunto, va profondamente spolverata e ricordata, onde sia di presa coscienza di quello, che fu il passato veneto – per nulla facile e duro – e d’incitamento a proseguire sulla strada della laboriosità e della creazione di benessere sociale.

Pierantonio Braggio

Pierantonio Braggio

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

lunedì 15 ottobre
venerdì 12 ottobre
giovedì 11 ottobre
mercoledì 10 ottobre
martedì 09 ottobre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore