ECONOMIA VERONESE | mercoledì 15 agosto 2018 16:45

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | venerdì 27 aprile 2018, 12:49

Moda: crisi ICS-MCS in regione - Assessore al lavoro, "Mise e regione in prima linea al fianco dei lavoratori"

L’assessore al lavoro della Regione Veneto ha incontrato oggi le organizzazioni sindacali di MCS Cavaliere (ex Marlboro Sportswear di Valdagno) e di Industries Sportswear Company (ISC, in passato legata a Moncler), due società della moda che hanno in gestione i marchi Henry Cotton’s, Marina Yachting e Mcs, e che occupano complessivamente quasi 300 dipendenti, un terzo impiegati nelle sedi di Mestre e i restanti nei punti vendita (negozi e outlet) sparsi per l’Italia. 


I rappresentanti dei lavoratori hanno manifestato tutta la loro preoccupazione circa l’attuale situazione delle due realtà produttive, attualmente in procedura fallimentare con esercizio provvisorio. A tale situazione le due società sono giunte a seguito della gestione del fondo Emerisque, fondato dall’imprenditore indiano Ajay Khaitan. Fondo che, peraltro, risulta aver lasciato alle due società solo la licenza temporanea, e non più esclusiva, dei tre marchi.


Nonostante tale situazione di difficoltà – hanno fatto presente i rappresentanti sindacali - i lavoratori stanno supportando i curatori fallimentari al fine di mantenere la continuità produttiva della realtà italiana. Grazie al know how e alle competenze dei lavoratori viene mantenuta viva, e per quanto possibile accresciuta, la rete dei potenziali clienti esteri e italiani degli storici marchi. Oltre a ciò i dipendenti di ISC-MCS stanno lavorando per progettare le future collezioni.


L’assessore al lavoro, affiancata dall’Unità di crisi della Regione Veneto, ha assicurato costante attenzione e monitoraggio alla vicenda, in stretto coordinamento con il Ministero dello sviluppo economico, e pieno sostegno ai lavoratori.


“Il valore aggiunto – ha sottolineato - di questa realtà aziendale è costituito da questi marchi della tradizione tessile e manifatturiera del ‘made in Italy’ e ancor più, se possibile, dall’attaccamento all’impresa che i dipendenti stanno manifestando e dalle competenze che posseggono”.


“Porterò personalmente i prossimi sviluppi della vicenda al tavolo del Mise”, ha assicurato l’assessore.


.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore