ECONOMIA VERONESE | giovedì 22 febbraio 2018 11:15

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | giovedì 08 febbraio 2018, 12:49

Venerdì Gnocolar: sfilata con 101 gruppi. Sicurezza garantita da 110 agenti e Camion antisfondamento

Il 9 febbraio Verona festeggerà il Venerdì Gnocolar. Il 488° Bacanal del Gnoco, pronto ad inaugurare domani pomeriggio il primo Villaggio di Carnevale in piazza San Zeno, culminerà venerdì con la sfilata dei carri lungo il centro storico, a partire dalle 13.45. Saranno 101 i gruppi che formeranno il corteo, di cui 3 stranieri: uno brasiliano, uno dai Paesi Bassi e uno polacco; 22 i carri in concorso e 10 quelli storici. In piazza Bra, dalle 11.30, gnocchi per tutti al costo di 3 euro. La festa proseguirà in piazza San Zeno fino alle 23.30.

Papà del gnoco

In ottemperanza alla direttiva nazionale sulla sicurezza, per la prima volta il corteo sarà preceduto da due camion vela che proteggeranno i manifestanti e il pubblico, mentre 6 autocarri antisfondamento chiuderanno l’accesso al corteo dalle più importanti direttrici: via Pallone, ponte Navi, ponte Nuovo, ponte della Vittoria, corso Porta Palio e porta San Zeno.
La sfilata è stata presentata questa mattina a Palazzo Barbieri dall’assessore alle Manifestazioni, insieme al presidente del Bacanal del Gnoco Valerio Avesani e al vicecomandante della Polizia municipale Lorenzo Grella.
“Desideriamo che sia una festa per tutti i veronesi, che attendono con entusiasmo questa giornata – ha detto l’assessore -. Ringrazio pertanto gli organizzatori, che con grande passione lavorano tutto l’anno per arrivare al Venerdì Gnocolar, e la Polizia municipale che garantirà la sicurezza di tutti i presenti”. “Quest’anno – ha spiegato Valeri – abbiamo dovuto predisporre un piano sicurezza conforme alle nuove direttive nazionali. Pertanto, in accordo con la Prefettura, sono state apportate delle correzioni alla sfilata, come il posizionamento dei cavalli in testa al corteo. Speriamo che tutti concorrano a far di questo Venerdì Gnocolar un grande momento di festa. Ricordo che i carri in concorso potranno essere votati dal 9 al 16 febbraio nei locali di San Zeno o compilando il tagliando che si trova sul libretto del carnevale, da depositare in una delle urne presenti in piazza San Zeno”.
“Già dalla prima mattinata di venerdì – ha aggiunto Grella – 50 agenti saranno impegnati per lo sgombero del percorso e la rimozione di eventuali mezzi parcheggiati. I cartelli che indicano il divieto di sosta per l’intera giornata di venerdì sono già stati posizionati, speriamo che tutti i veronesi li rispettino. Nel pomeriggio, invece, 60 agenti saranno impegnati in divisa ma anche in borghese a garantire la sicurezza del corteo e a far rispettare le norme come il divieto di utilizzo di prodotti schiumogeni e altre sostanze che possano arrecare danno”.

 

Percorso. Il corteo sfilerà per 7 chilometri lungo corso Porta Nuova, piazza Bra (davanti alla Gran Guardia), largo Alpini, stradone Scipione Maffei, stradone San Fermo, lungadige Rubele, via Nizza, via Teatro Nuovo, piazza Viviani, via Cairoli, piazza Erbe, corso Porta Borsari, via Adua, via San Michele alla Porta, via Diaz, corso Cavour, corso Castelvecchio, largo Don Bosco, regaste San Zeno, piazzetta Portichetti, via San Giuseppe, piazza Corrubbio, piazza Pozza, per arrivare in piazza San Zeno.

 

Provvedimenti viabilistici. Per consentire la sfilata, dalle 8 alle 20 di venerdì 9 febbraio sarà istituito il divieto di sosta lungo tutto il percorso, su entrambi i lati della strada; dalle 12.30 invece scatterà il divieto di transito per tutti, anche per taxi e autobus, che verranno deviati su altri percorsi (tutte le informazioni sul sito di Atv).
A partire da mezzogiorno, il parcheggio dei taxi sarà spostato da piazza Bra a via Pallone, mentre dalle 8 alle 20 sarà sospeso il servizio del trenino turistico.



Divieti. Si ricorda che per l’intera giornata del Venerdì Gnocolar sarà in vigore il divieto di utilizzare, lanciare e disperdere prodotti schiumogeni di ogni tipo e sorta (bombolette, schiuma da barba, ecc.). È inoltre vietato l’impiego di tutti i prodotti e le sostanze (uova, farina, ecc.) che possano imbrattare, molestare, arrecare danno alle persone e insudiciare e deturpare il suolo ed i beni esposti al pubblico. Ammesso l’utilizzo di coriandoli e stelle filanti, anche spray. Si ricorda che in caso di violazione al regolamento è prevista una sanzione amministrativa che va da 25 a 500 euro.
 

.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore