ECONOMIA VERONESE | martedì 17 ottobre 2017 00:15

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | venerdì 21 luglio 2017, 16:06

BANCA ETICA e VENETEX: un accordo strategico per sostenere l'economia del Veneto

Stimolare la crescita dell'economia del territorio, in un momento in cui il sistema bancario regionale vive una fase particolarmente delicata e la crisi blocca le attività imprenditoriali: è questo l’obiettivo dell’accordo presentato oggi a Padova tra Banca Etica e Circuito di Credito Commerciale® Venetex.net. L’intesa si inquadra nell’ambito dell’accordo nazionale tra Banca Etica e i Circuiti di Credito Commerciale® siglato tra Sardex e Banca Etica lo scorso maggio.

Le imprese aderenti al circuito veneto della moneta complementare potranno accedere a condizioni vantaggiose ai prestiti e agli altri servizi finanziari - inclusi il microcredito e il crowdfunding - offerti da Banca Etica. I soci e i clienti di Banca Etica avranno la possibilità di accedere a questo mercato complementare e aggiuntivo con il quale le imprese del territorio si sostengono reciprocamente attraverso la piattaforma tecnologica di Venetex.net che permette di rafforzare le relazioni e incrementare il fatturato.

Banca Etica e Circuito di Credito Commerciale® Venetex.net sono radicate nel tessuto economico locale e fondate sull'etica dei comportamenti e sulla sostenibilità economica.

 “Lavoriamo affinché il potenziale produttivo inespresso di migliaia di aziende e professionisti della nostra Regione si trasformi in ricchezza reale,  – spiega Francesco Fiore, Amministratore delegato del Circuito Venetex.net - In Venetex.net, infatti, vengono venduti e acquistati beni e servizi che, complice la crisi, non troverebbero spazio nel mercato tradizionale. Per le imprese iscritte, il circuito Venetex.net rappresenta un mercato complementare e aggiuntivo, consentendo di ottimizzare la capacità produttiva, di liberare preziosa liquidità e di usufruire di uno strumento di finanziamento e di marketing economico e innovativo, capace di rendere fin da subito la singola impresa più efficiente e competitiva. L'accordo con Banca Etica consente alle nostre aziende di poter aderire in maniera convenzionata e agevolata ai servizi di banca necessari per la parte complementare euro”.

 

"Cogliamo con soddisfazione l’opportunità di scambio e cooperazione con una realtà importante e del calibro valoriale di Banca Etica. Siamo certi che questo accordo - conferma  Roberto Francani, Presidente del Circuito di Credito Commerciale® Venetex - sarà fin da subito un moltiplicatore formidabile di vantaggi per gli aderenti al Circuito e per i soci e clienti dell’istituto bancario. Il tessuto imprenditoriale veneto troverà in questa firma congiunta un circolo virtuoso di servizi e occasioni di crescita in un contesto comune improntato alla sostenibilità economica e all’etica finanziaria".

 

Per noi – sottolinea Alessandro Messina, Direttore generale di Banca Etica questo accordo, che si inserisce in quello più ampio stipulato con tutti i circuiti complementari presenti oggi in Italia a livello regionale, conferma l'interesse per il circuito delle monete complementari, che sta dimostrando una notevole capacità di rilancio economico dei territori, nel rispetto delle persone e della sostenibilità. I punti di contatto tra la finanza etica, che nasce per sostenere uno sviluppo economico sostenibile, e l’innovazione delle monete complementari sono molti e meritano di essere approfonditi attraverso scambi reciproci: le imprese aderenti ai circuiti delle monete complementari potranno utilizzare i servizi bancari e finanziari di Banca Etica a prezzi vantaggiosi, e le organizzazioni già socie e clienti di Banca Etica avranno l’opportunità a loro volta di avvicinarsi al mondo delle monete complementari per valutarne tutte le opportunità”.

 Nel suo primo anno di operatività Venetex ha raggiunto risultati significativi ed è in costante crescita: sono 300 le aziende aderenti in Veneto, che diventeranno 500 a fine dicembre; 180 i conti personali di dipendenti e amministratori di aziende, con l'obiettivo di raggiungere i 500 a fine anno; 950.000 Venetex (l'equivalente di 950.000€) il transato. Nei primi quindici giorni di luglio il transato è stato pari a quello dei primi sei mesi dell'anno!

.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore