ECONOMIA VERONESE | sabato 16 dicembre 2017 02:35

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | mercoledì 19 luglio 2017, 16:21

La cultura del gusto: Frantoio Bonamini ambasciatore dell’olio extravergine d’oliva

Riscoperta della tradizione e della cucina del benessere: sono questi i trend 2017 del settore Food che caratterizzano le scelte dei consumatori, sempre più consapevoli ed attenti. Frantoio Bonamini, realtà d’eccellenza della produzione olearia italiana, reinterpreta la formula “casa e bottega”, che ha conquistato il mercato dell’alimentazione, proponendo tour presso la propria azienda alla riscoperta dell’autenticità, della qualità e della tipicità territoriale che da sempre distinguono la gamma di prodotti.

macina Bonamini

Guidati da Sabrina e Giancarlo Bonamini, titolari del Frantoio, i visitatori potranno vivere una gita fuoriporta che si trasforma in un percorso sensoriale ed informativo, grazie ad interlocutori qualificati in grado di esprimere nei propri oli l’essenza del territorio, valorizzare l’arcaica bellezza del paesaggio olivicolo - elemento identitario della Val d’Illasi - ed accompagnare il pubblico in un viaggio che promuove la cultura del gusto genuino e sostenibile.

La famiglia Bonamini propone una visita all’oliveto, illustrando l’olivicoltura locale e una visita al Museo dell’olio, durante la quale gli ospiti hanno modo di conoscere le tecniche di lavorazione delle olive, la conservazione e l’imbottigliamento del prodotto finale, nonchè ricevere informazioni sulla storia della produzione olearia. Segue una degustazione di due o più oli dove i visitatori vengono accompagnati in un’attenta analisi che coinvolge ben tre sensi: la vista, l’olfatto e il gusto, con la possibilità di fare acquisti direttamente nel loro punto vendita.“Pochi prodotti sono così visceralmente legati all’essere umano e al suo sviluppo culturale come l’olio d’oliva. Lo scopo di questi percorsi guidati” ci spiega Sabrina Bonamini, “ è quello di rendere il frantoio non solo un luogo di produzione, ma una location ideale per la formazione, in modo da conferire valore ad ogni passaggio - dalla coltivazione all’imbottigliamento - al fine di delineare completamente la filiera produttiva. L’olio d’oliva è un’identità da preservare, un patrimonio da valorizzare ed il nostro impegno è rivolto proprio a questo obiettivo.”

.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore