ECONOMIA VERONESE | domenica 24 settembre 2017 12:21

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | venerdì 19 maggio 2017, 17:27

"RI-GENERAZIONE!" servizio civile, cittadinanza attiva e futuro

Sono 993 i giovani in Veneto che nell’ultimo anno hanno scelto di dedicare 12 mesi della loro vita al servizio civile. Prestano servizio in associazioni, enti locali, comuni e biblioteche, servizi sociali e sanitari, accanto ai disabili o nei servizi di trasporto e accompagnamento sanitario, come animatori culturali o allo sportello nei patronati sociali.

A fronte di un rimborso spese di 4 euro l’ora (433 euro mensili), quasi mille giovani hanno scelto il servizio civile nazionale per  vivere progetti ed esperienze di ‘cittadinanza attiva’ considerate utili – nelle intenzioni degli enti proponenti e degli aderenti - per la loro crescita umana, professionale e sociale, nonché per la comunità. Rispetto agli anni precedente i numeri del servizio civile in Veneto sono in netta crescita: aumentati del 51 per cento rispetto al 2015, triplicati rispetto al 2011.

 

Al Servizio civile nazionale, istituito nel 2001 e che quest’anno conta quasi 50 mila volontari in Italia, in Veneto si affianca anche l’esperienza del Servizio civile regionale. Istituito nel 2005 come forma complementare al servizio civile nazionale per favorire il volontariato dei giovani anche nelle associazioni più piccole e negli enti privati rispetto ai grandi enti pubblici, nell’ultimo quinquennio ha impegnato oltre 530 giovani in oltre 120 progetti sociali e non profit, con un impegno finanziario della Regione di due milioni e mezzo di euro.

 

Delle esperienze e delle prospettive del Servizio civile nazionale e di quello regionale e delle altre esperienze strutturate in Veneto di ‘cittadinanza attiva’ dei giovani si parlerà lunedì 22 maggio a Verona, nel Palazzo della Gran Guardia (ore 9.30-18): la Regione Veneto e il Dipartimento del servizio civile presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, insieme alla Federazione del Volontariato e al comune di Verona e al Coordinamento degli enti del servizio civile del Veneto, hanno organizzato un meeting dei giovani impegnati in Veneto nel servizio civile  e nel volontariato, per mettere a confronto progetti, ‘buone pratiche’, attese e aspettative. Si parlerà del servizio volontario europeo e delle nuove proposte per rendere universale una esperienza di impegno sociale e di servizio alla comunità. Si parlerà anche di progetti di cittadinanza attiva, di protagonismo dei giovani nel volontariato e nel terzo settore e di buone pratiche di coinvolgimento di giovani nelle politiche territoriali sperimentate in Veneto in questi anni.

 Ad aprire la giornata sarà l’assessore regionale al sociale, che presenterà a volontari ed enti le prossime iniziative della Regione Veneto per il servizio civile regionale e per il coinvolgimento attivo delle giovani generazioni. Affiancheranno l’assessore regionale la presidente della Federazione del volontariato di Verona, Chiara Tommasini, e l’assessore ai servizi sociali del comune scaligero.

 Ma i veri protagonisti della giornata saranno i giovani del servizio civile (attese oltre 500 presenze dalle sette province venete) e i referenti degli enti che stanno impegnando i giovani volontari, in una fitta alternanza di tavole rotonde, spettacoli, performance artistiche, proiezioni, presentazione di testimonianze dirette e di progetti realizzati, secondo lo stile della ‘convention’, che ci concluderà con un aperitivo musicale in piazza con la band veronese Jenny Penny Full

Tra gli ‘animatori’ della giornata l’inviato di Striscia la Notizia Luca Abete, lo scrittore Sebastiano Zanolli, il blogger Giacomo Mazzariol, il giornalista Stefano Allievi, il performer Michele Dotti, il campione olimpionico di canottaggio Rossano Galtarossa, il giornalista Rai Federico Ruffo.

 

.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore