ANNUNCI E VARIE | venerdì 18 gennaio 2019 22:08

Cerca nel web

ANNUNCI E VARIE | martedì 17 marzo 2015, 10:45

I PROFILI DI WOODN RICHIESTI DA MEZZO MONDO

Woodn Industries è una grande realtà emergente nel mondo dell'edilizia e non solo. Un enorme stabilimento in Cina e uno a Salzano, nel veneziano, per un totale di 150 dipendenti. E' quanto ha creato in poco più di una manciata d'anni Roberto Chemello, l'ex amministratore delegato di Luxottica, bellunese doc ma veneziano di adozione, portando il suo prodotto a far bella mostra di se dai quartieri residenziali di Tel Aviv, Dubai alle Torri di Citylife di Milano. “ Realizziamo”, dice Roberto Chemello, “ profili che utilizzano un materiale composito assolutamente innovativo. La particolare formula a base di componenti polimerici consente svariate applicazioni nell'edilizia, arredo urbano, interior design, nautica. Woodn è un legno tecnico che riesce a riunire i componenti tra loro incompatibili quali il PVC e la fibra di legno, creando un materiale con alto contenuto estetico. Un legno tecnico che può occupare spazi fino a ieri esclusivo appannaggio di ceranica e vetro. E' ecologico, ecosostenibile, leggero, termoformabile, inattaccabile da tarli e parassiti, privo di emissioni.

I PROFILI DI WOODN RICHIESTI DA MEZZO MONDO

Lo stabilimento è in Cina perchè in quell'area si trova in abbondanza la fibra di bamboo. Greenwood invece”, dice ancora Chemello, “ è composto da granulo di fibra di legno e polipropilene. Diciamo che Greenwood è per applicazioni orizzontali, dai pavimenti ai pontili e Woodn è per applicazioni verticali, dai frangisole ai parapetti, a facciate ventilate e rivestite” Woodn Industries, che chiuderà il 2015 con un fatturato attorno ai 12 milioni di euro, con previsioni di crescita , ama, dunque, lasciare ai boschi il legno dei suoi alberi e per questo 8 anni fa ha creato Woodn, il legno tecnico per eccellenza,

 

 

 

 

 

 

Giorgio Naccari

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore