ECONOMIA VERONESE | sabato 23 giugno 2018 04:48

Cerca nel web

ECONOMIA VERONESE | mercoledì 24 settembre 2014, 12:38

STATISTICA. L’ANDAMENTO DELLA GIUSTIZIA CIVILE IN VENETO

Nei primi sei mesi del 2014 in Veneto sono stati oltre 40 mila gli atti depositati telematicamente relativamente ai processi civili, il 240% in più rispetto al semestre precedente. E’ uno dei dati contenuti nell’ultimo numero di “Statistiche Flash”, la pubblicazione periodica curata dalla Sezione Sistema Statistico della Regione, dedicato ai temi della giustizia.   Oltre all’analisi delle problematiche generali connesse alla legalità e alla sicurezza, uno degli approfondimenti riguarda la giustizia civile. Dai dati emerge che l'Italia evidenzia forti criticità per i tempi eccessivamente lunghi dei processi: in media ci vogliono circa 500 giorni per arrivare a una decisione di primo grado (contro una media nei Paesi Ocse di 240 giorni) e quasi 8 anni per giungere alla sentenza definitiva in Cassazione. A livello veneto, nel 2012 per una causa civile servono mediamente 336 giorni per una sentenza di primo grado, performance migliore rispetto alla maggior parte degli altri distretti italiani; non così efficiente il secondo grado di giudizio: in caso di ricorso in appello passano altri 1.163 giorni, nel complesso oltre 4 anni, quando nel distretto di Trento basta un anno e mezzo.

Anche per la maggiore presenza di imprese, la domanda di giustizia civile è più alta nell'area di Verona (4.048 nuove cause di primo grado per 100.000 abitanti a fronte di una media regionale di 3.473), a Treviso e a Padova. Ciò nonostante, qui si riesce a dare una risposta in tempi mediamente più brevi e a smaltire un maggior numero di pratiche.

 

La performance del sistema giudiziario potrebbe migliorare se si investisse di più in informatizzazione. L'Italia nel 2010 riservava all'informatizzazione appena l'1,9% del budget complessivo destinato alla giustizia, percentuale tra le più basse a livello internazionale (media 3,9%). Nell'ultimo periodo, tuttavia, si assiste a un'accelerazione verso il digitale e nei primi 6 mesi del 2014 gli atti depositati telematicamente in Veneto salgono a 40.541, il 240% in più rispetto al semestre precedente (Italia: +76%). Dal 30 giugno per i tribunali ordinari è obbligatorio il ricorso al processo telematico per i nuovi procedimenti.

 

 

 

 

 

 

.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore