TEATRO E CULTURA | venerdì 31 ottobre 2014 12:14

Cerca nel web

TEATRO E CULTURA | venerdì 09 dicembre 2011, 17:29

A Verona nasce il primo Banco Editoriale d’Italia

Condividi |  

Una vera e propria «colletta culturale» che, a metà dicembre, inviterà i cittadini a recarsi nelle 9 librerie aderenti all'iniziativa per scegliere e acquistare il libro che «ha cambiato loro la vita» e donarlo in beneficenza a favore dei detenuti di Montorio e dei minorenni ospitati nelle case-famiglia del Don Calabria.

L'iniziativa, senza fini di lucro, nata dall'idea di un gruppo di giovani veronesi, sarà presentata nella conferenza stampa in programma domani alle ore 10 nella Sala Arazzi del Comune di Verona.
Alla conferenza stampa interverranno il sindaco di Verona, Flavio Tosi, il Garante dei Diritti dei Detenuti, Margherita Forestan, Lorenzo Fazzini, ideatore del Banco  Editoriale, il direttore del centro Don Calabria, fratel Matteo Rinaldi, il preside del liceo Alle Stimmate, Umberto Fasol, e rappresentanti delle librerie cittadine coinvolte nel progetto.
Il 16, 17 e 18 dicembre dalle 15 alle 19.30, le 9 librerie aderenti all'iniziativa -  Gheduzzi, Ghelfi e Barbato, Pagina 12, i due negozi delle Paoline, Bocù, Libreria Editrice Salesiana, Fede & Cultura e Rinascita - vedranno all’opera i 130 giovani volontari del Banco Editoriale. Si tratta di ragazze e ragazzi di alcuni istituti superiori veronesi (Alle Stimmate e Seghetti) che aiuteranno i partecipanti a scegliere e acquistare il loro libro per destinarlo in beneficenza. I libri raccolti saranno poi catalogati e consegnati dagli stessi giovani volontari ai detenuti del carcere di Montorio, tramite la biblioteca del carcere, e agli ospiti delle case-famiglia dell'istituto Don Calabria. Tutte le informazioni su www.bancoeditoriale.org
La cultura è tra gli elementi qualificanti di una comunità, ma ancora troppe persone restano lontane dalla lettura: ben il 53,2% degli italiani non legge nemmeno un libro in un anno nel tempo libero. Il primo Banco Editoriale d'Italia vuole sensibilizzare la società all'importanza della cultura soprattutto in contesti disagiati (le carceri e le case-famiglie per minori).

.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore